Spedizione €12.50, GRATUITA da €99
Carrello 0

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello
Filtra per

Chateau de Laubade

Château de Laubade è una proprietà agricola e vitivinicola situata a Sorbets, nel Gers, nel cuore del terroir più nobile del Bas Armagnac. Costruita nel 1870, la tenuta di 105 ettari appartiene alla famiglia Lesgourgues da tre generazioni. Alla ricerca dell'eccellenza, è attualmente Denis, supportato dalla sorella Jeanne e dal fratello Arnaud, a continuare gli sforzi volti a creare gli Armagnac più unici.
Oggi, la famiglia Lesgourgues propone Armagnac leggendari, creati e prodotti utilizzando il know-how artigianale, sempre in uno spirito di innovazione ed eco-responsabilità.
Riferimento innegabile in Francia e a livello internazionale in più di 50 paesi sulle tavole più belle e negli hotel, bar ed enoteche più prestigiosi del mondo, la magnifica residenza ospita più di 150 anni di storia.
Premiato nel 2020 con il Premio Spirit of the Year 2020 da La Revue des Vins de France e premiato da quasi cinquant'anni nei più grandi concorsi francesi e internazionali, Château de Laubade è la casa più medagliata con 250 titoli ai Talents de l'Armagnac a Eauze, Concours Général Agricole de Paris, San Francisco World Spirits Competition negli Stati Uniti, Ultimate Beverage Challenge NY negli Stati Uniti, International Wine and Spirits Competition e International Spirits Challenge London e World Spirits Awards.
Il vigneto è piantato su pendii in leggera pendenza, i cui terreni sono densi di sabbia fulva e boulbène, che caratterizzano i terroir molto ampi del Bas Armagnac. Il rispetto per la natura è diventato evidente ed è sempre stato un valore fondamentale nella filosofia produttiva. Numerose iniziative realizzate dalla famiglia Lesgourgues in quasi 50 anni hanno permesso di sviluppare un approccio ragionato alla gestione della vite. La biodiversità del suolo è favorita dall'aggiunta di sovescio alle nostre viti, dal diserbo meccanico sotto i filari e dall'ammendamento del terreno attraverso la coltivazione di cereali.
La produzione di letame biologico, attraverso un gregge di 600 pecore, e l'utilizzo del vitigno Baco resistente alle malattie della vite, sono iniziative che contribuiscono a questo modello virtuoso e sostenibile. Infine, non meno di 15 ettari di querce di Guascogna e 10 ettari di pioppi contribuiscono notevolmente alla sostenibilità di questa politica riducendo al contempo l'impronta di carbonio della proprietà.
I vini bianchi non solfitati vengono distillati subito dopo la fermentazione alcolica per raccogliere tutto il loro potenziale aromatico, nell'unico alambicco “Armagnac” costruito su ordinazione nel 1974.
La “distillazione semplice continua” viene effettuata vitigno per vitigno dai nostri distillatori interni, per i 6 diversi vitigni autoctoni della proprietà tra cui Baco, Ugni Blanc, Folle Blanche e Colombard. La distillazione viene effettuata secondo le precise indicazioni del Mastro Cantiniere e in base alle caratteristiche dei vini dell'annata. L'obiettivo è quello di estrarre il massimo dei composti organolettici grazie agli scambi tra il vino ed i vapori alcolici operanti nella colonna. Il grado alcolico all'uscita dell'alambicco viene controllato durante la degustazione e adattato a ciascun vitigno.
Ogni acquavite viene invecchiata separatamente, vitigno per vitigno e annata per annata, in quasi 3.000 botti da 420 litri distribuite in nove cantine di invecchiamento in situ.
François Laura, Cantiniere e la Famiglia Lesgourgues, attraverso degustazioni periodiche, effettuano le scelte di assemblaggio a fine invecchiamento. Garantire la tracciabilità totale delle acquaviti di Armagnac e la trasparenza nei confronti dei consumatori fa parte degli standard della Casa. Pertanto, la data di imbottigliamento e il numero di lotto sono sistematicamente apposti su ogni bottiglia o caraffa.