Spedizione €12.50, GRATUITA da €89 Padova città consegna in giornata
Carrello 0

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello
Filtra per

Chateau Pontet-Canet

Storia
La storia del castello Pontet-Canet risale agli inizi del XVIII secolo quando Jean-François de Pontet, grande scudiero del re divenuto governatore del Medoc, riunisce diversi appezzamenti di terreno situati a Pauillac. Successivamente, i suoi discendenti aggiungono i vigneti adiacenti alla località Canet: nasce Château Pontet-Canet. Cento anni dopo, la celebre classificazione del 1855 annovera Château Pontet-Canet tra l'élite della viticoltura del Médoc.
Questa ascesa non sfuggì a uno dei primi commercianti bordolesi dell'epoca, Herman Cruse, che acquistò la proprietà nel 1865. Costruì nuove cantine, modernizzò le strutture e fece conoscere questo vino in tutto il mondo. La famiglia Cruse gestì la proprietà per 110 anni, finché un altro commerciante, ma di Cognac, Guy Tesseron, la acquistò nel 1975. Così, in più di duecento anni, Château Pontet-Canet conobbe solo tre proprietari diversi. Oggi è il figlio di Guy Tesseron, Alfred Tesseron, a guidare il gruppo.
Territorio
Il terroir di Château Pontet-Canet è composto da 62% Cabernet Sauvignon, 32% Merlot, 4% Cabernet Franc e 2% Petit Verdot. La proprietà è di 120 ettari di cui 80 ettari dedicati all'allevamento della vite. Guidata da Jean Michel Comme, la viticoltura di Château Pontet-Canet è passata dalla coltivazione convenzionale all'agricoltura biologica e all'agricoltura biodinamica. Così, i terroir, lavorati quotidianamente dai cavalli bretoni, hanno ritrovato la loro originalità.
Vinificazione
Inoltre, le vendemmie vengono effettuate su terroir omogeneo, che richiede il taglio degli appezzamenti in due o tre. Alla cernita manuale degli acini segue una diraspatura quindi viene effettuato un secondo controllo su tavolo vibrante, consentendo di preservare solo le baie perfette. Successivamente la macerazione dura in media 4 settimane fino alla svinatura. L'allevamento è effettuato per terzi in cemento Dolia, progettato dallo Château Pontet-Canet solo per i vini del dominio. Dal suo arrivo alla guida della proprietà, Alfred Tesseron ha continuato ad impegnarsi e ad investire per ristrutturare gradualmente e completamente il vigneto, rinnovando gli strumenti tecnici e gli edifici di sfruttamento per produrre un vino pieno di fascino e finezza.
Degustazione
Alla degustazione, Château Pontet-Canet offre un'energia caratteristica. Esprime la tensione e l'intensità del suo terroir. Il suo equilibrio interno unisce una potenza contenuta, una precisione del frutto sconosciuto e una corsa innegabile.

Non ci sono prodotti

Torna allo shopping